Dr.ssa Agnello Teresa
Psicologia Clinica

Laureata a Padova in Psicologia Clinica, attualmente sta frequentando la scuola di Psicoterapia di orientamento Cognitivo-Comportamentale a Parma.
Si occupa principalmente di Sonno e i suoi disturbi (in particolar modo d’Insonnia) di Prevenzione del Benessere e della Salute e di Sostegno Psicologico.
Collabora da diversi anni con i Centri del Sonno di Brescia, Parma e Pisa.

Andare dallo psicologo non vuol dire essere matti: vuol dire volersi bene.
Si va dallo psicologo perchè si è in difficolta, perchè ci si vuole conoscere in modo più approfondito, perchè si cercano delle risposte, perchè si sta troppo male o perchè non si riesce più a mettere insieme alcuni pezzi del proprio puzzle.

Tutti noi sappiamo di avere un cuore, se sentiamo che c’è qualcosa che non va, ci rivolgiamo ad uno specialista (in genere cardiologo).
Tutti noi abbiamo un cervello, quindi, se sentiamo che c’è qualcosa che non va, ci rivolgiamo ad uno psicologo.
Il cervello è un organo, e come tale si può ammalare/può funzionare un po’ male/può avere qualche momento di crisi.

Quando pensiamo che non saremmo mai in grado di fare qualcosa dobbiamo fermarci e sfidare il nostro Giudizio Negativo, assolutistico e critico.

Perché sentirsi incapaci di fare qualcosa è assolutamente normale e chiedere aiuto non è sinonimo di debolezza.